Disegnare un logo richiede competenze, pazienza, capacità di sviluppo e… molta creatività!
Ma si sa, una parte fondamentale dell’apprendimento comprende anche lo studio di casi esistenti che hanno funzionato: i cosiddetti “casi studio”.
Certo, non servono per essere scopiazzati in toto, ma per darci uno spunto. Estrapolare idee da casi studio vincenti è un ottimo inizio per sviluppare un logo. Non dimenticatevi però prima di fare un bel (brainstorming), che vi servirà come mappa delle vostre idee.

Ecco qui a seguito un’analisi di logo che ho trovato nel web e che funzionano molto bene:

1- Unione di due concetti (Somma)

2- Elaborazione grafica del testo

3- Semplificazione della forma

4- Scomposizione della forma

5- Sagome in scala (Moltiplicazione)

Bisogna ricordarsi che alla fine lo scopo di un logo è quello di essere unico, piacevole e rimanere impresso. Quindi anche se l’elaborazione finale del logo non rimanda subito al motivo iniziale per cui si è creato così, non importa. Il concetto iniziale va abbandonato per poi essere ritrovabile alla fine, ma privilegiando la semplificazione e soprattutto l’interpretazione.

E voi, conoscete altri modi per elaborare un logo originale?

Credits to:
Ishida Book Binding
Renauta
Barba Sea Street Food
Hautbox
San Giorgio Montalcino